giovedì 26 dicembre 2013

Cerchio megalitico di Como.

Qualche settimana fa sono passato da Como per andare in Svizzera e mi sono ricordato che pochi anni fa durante i lavori per la costruzione del nuovo ospedale era venuto fuori un grande cerchio di pietre. Cercando su internet ho trovato poche informazioni al riguardo e così ho cercato come raggiungere l'Ospedale Sant'Anna che si trova in località San Fermo della Battaglia vicino a Como.


Arrivato sul luogo, a poche centinaia di metri da un centro commerciale, ho iniziato a girare trovandomi all'ingresso dell'ospedale. Nessuna indicazione e dopo alcuni giri stavo per lasciare stare quando ho avuto l'idea di dare un'occhiata oltre una specie di recinto di erba e pietre di recentissima fattura. Visto spuntare qualche pietra ho provato ad entrare dall'ingresso principale e ho scoperto che il sito megalitico si trova all'interno del parchetto dell'ospedale, finito, ma ancora chiuso. Approfittando del cantiere semi-abbandonato e delle poche persone ho deciso di addentrarmi per pochi minuti e ho scattato poche foto. Nel complesso si tratta di un grande cerchio di cui si notano piccole pietre spuntare dal terreno ma segnato dai nuovi lavori, e poi spostato da una picola "collinetta" circondata da alcuni menhir. Purtroppo non ci sono indicazioni e come dicevo prima le informazioni su internet sono poche e superficiali. Comunque dovrebbe trattarsi di un sito creato nel 2500 a.c. e poi coperto dal passare dei secoli. Direi che è inutile chidersi se fosse un osservatorio astronomico o un luogo di culto (ogni luogo era considerato sacro in antichità) e aspettare novità!

 

3 commenti:

  1. Puoi trovare tante informazioni sul Grande Cerchio di Como e un'interessantissima analisi del sito nel volume "Gli Insubri" di Adriano Gaspani (Keltia edizioni). In pratica era un osservatorio stellare usato dai druidi nel VI secolo a.C. (quindi non si data al 2500 a.C., ma acirca 2500 anni fa)

    RispondiElimina
  2. Puoi trovare tante informazioni sul Grande Cerchio di Como e un'interessantissima analisi del sito nel volume "Gli Insubri" di Adriano Gaspani (Keltia edizioni). In pratica era un osservatorio stellare usato dai druidi nel VI secolo a.C. (quindi non si data al 2500 a.C., ma acirca 2500 anni fa)

    RispondiElimina
  3. Buonasera,
    sono Daniele Failla. Sono consigliere comunale presso il Comune di San Fermo della Battaglia, il paese sopracitato in cui si trovano i resti in questione. Mi piacerebbe che venissero valorizzati, curati e aperti al pubblico poichè adesso (settembre 2017) il parchetto è chiuso con un lucchetto. Dove posso trovare informazioni sul sito? Oppure, a chi posso rivolgermi?
    Buona serata e grazie in anticipo.

    RispondiElimina