mercoledì 16 aprile 2008

Boschi sacri, Nemeton...

Boschi sacri, Nemeton...


Visto che ho intitolato questo blog in questo modo, inizierò subito a parlare dei miei amici alberi e del rapporto che i nostri antenati hanno avuto con loro. L'albero può essere considerato il simbolo della spiritualità europea e indoeuropea. Esso era alla base di tutti i culti primordiali ed è restato centrale fino all'arrivo del cristianesimo, che comunque non potendo distruggere tutti gli alberi d'Europa ne ha conservato alcuni aspetti (ma di questi apetti parlerò in un altro momento). In effetti i boschi sacri erano presenti in tutta l'europa antica: dalla Grecia alla Scandinavia esistevano zonee in cui si poteva entrare in contatto col le divinità (ancora strettamente legate alla natura) in mezzo agli alberi.


Ancora oggi, chi non sia stato ancora completamente annientato dalla vita moderna, può entrando in un bosco, sentire la presenza di queste forze, non saprei come definirle, che nei secoli gli uomini hanno cercato di spiegare e di antropomorfizzare per semplificarne la presenza e poi il culto.


Nemeton (bosco sacro appunto) più famosi di cui noi abbiamo notizia si trovavano a Dodona per i greci, a Nemi per i romani, quello vicino a Locronan per i Celti nel nord ovest della Francia, quello famosissimo di Uppsala per le popolazioni scandinave e germaniche. Che io sappia non si hanno notizie dei Nemeton sacri ai Liguri o della Gallia Cisalpina, data la volontà di nascondere la loro presenza dai tempi delle invasioni romane fino ai giorni nostri... ma si presume ce ne fossero molti: è mio impegno informarmi sulla questione e aggiornare questa pagina in un prossimo futuro. La parte del territorio europeo in cui questi luoghi sono sopravvissuti per più tempo sono sicuramente le terre Baltiche. Esse vennero cristianizzate soltanto alla fine del 1300, anche se ovviamente i cristiani estirparono tutte le foreste in seguito. Un luogo sacro era Romowe in Nadruvia una zona nel Nord della Prussia. Esso era anche il nome della religione ufficiale della Lituania fino al 1387 (e che oggi è finalmente in fase di rinascita).


Santuario di Romowe in prussia.


Anche in India (in cui sopravvivono molte usanze simili a quelle dell'Europa pre cristiana) esistevano moltissimi boschi sacri e ne esistono ancora oggi. Essi venivano chiamati "Devarakadus" (boschi degli dei) e venivano protetti e conservati dagli abitanti della zona. Famosi i boschi e gli alberi legati alla vita del Buddha. Vari i boschi e gli alberi venerati anche in Giappone e l'importanza che essi avevano per i nativi americani. Ora mi fermo.


Da ricordare alcuni la persistenza durata fino ai giorni nostri di echi legati ai culti dell'Albero rintracciabili ovunque in Europa e particolarmente viva fino a qualche secolo fa con le congreghe e i sabba delle streghe che immancabilmente si ritrovavano sotto qualche Albero "Sacro". Il più famoso è sicuramente il Noce di Benevento e io ricordo il Noce di Trisobbio in provincia di Alessandria, che ancora oggi fiorisce sempre nei giorni del Solstizio d'Estate. In essi il Papa e i boia del clero trovavano pane per i sui denti: adorazione della natura e donne che alzavano la testa!


Inutile ricordare quanto poco siano fondate le "radici cristiane dell'Europa". L'unica cosa che fecero i cristiani fu quella di sradicare i più imponenti Alberi, radere al suolo i boschi sacri e uccidere e torturare chi li amava e li considerava amici!!! Per costruire San Pietro a Roma vennero disboscate intere regioni dell'Umbria!


Libro consigliatissimo: "MITOLOGIA DEGLI ALBERI" di Jacques Brosse (BUR) - [LINK]

10 commenti:

  1. Carino questo blog, questa mattina mi sono messa a navigare tra i blog di splinder e devo dire che mi piace molto come piattaforma. Penso di creare anche io il mio su questa. Ciao da Maria.

    RispondiElimina
  2. Mi associo ai complimenti di Maria e mi permetto di segnalarti un altro libro bellissimo (almeno per me) dedicato ai nostri Fratelli Maggiori verdi: "Lo Spirito degli Alberi" di Fred Hageneder; trovi la sua scheda a questo link: http://www.anobii.com/books/Lo_spirito_degli_alberi/9788871831121/011de687e08c7da120/

    Un saluto arboreo dal Nomade Zensunni :)

    RispondiElimina
  3. Mi associo ai complimenti di Maria e mi permetto di segnalarti un altro libro bellissimo (almeno per me) dedicato ai nostri Fratelli Maggiori verdi: "Lo Spirito degli Alberi" di Fred Hageneder; trovi la sua scheda a questo link: http://www.anobii.com/books/Lo_spirito_degli_alberi/9788871831121/011de687e08c7da120/

    Un saluto arboreo dal Nomade Zensunni :)

    RispondiElimina
  4. utente anonimo26 aprile 2009 20:42

    Mi piace molto quello che hai scritto. Anch'io amo gli alberi e sono felicedi vedere che ci sono altre persone che la pensano come me.

    RispondiElimina
  5. ciao, ti segnalo che è nata una rivista chiamata Nemeton, nello spitito del bosco sacro, vieni a visitarci.
    http://www.nemetonmagazine.net/blog/

    RispondiElimina
  6. ciao, ti segnalo che è nata una rivista chiamata Nemeton, nello spitito del bosco sacro, vieni a visitarci.
    http://www.nemetonmagazine.net/blog/

    RispondiElimina
  7. Ciao complimenti per il sito e per i riferimenti anche culturali inseriti, sarebbe bello in tal senso ci fosse una sezione dedicata alla bibliografia così chi curioseggia e vuole approfondire delle tematiche può direttamente andare a guardare quei testi in libreria. Ma una curiosità qual'è una buona università da voi che si occupa di antropologia?
    Personalmente sto organizzando una motra dedicata ai 4 elementi e soprattutto all'amico albero, testi consigliati da approfondire mi sarebbero utili. ah dimenticavo bello anche il link per studiare i fiori, peccato che le alpi mi sono lontane...sai se ce n'è uno di quel tipo per piante meditarranee e medicinali?
    Io controllerò ugualmente al più presto.
    Da quando ho deciso di dedicare questa mostra alla difesa degli alberi stanno uscendo alleati "invisibili", che lavorano altrove in nome del "popolo in piedi", sta sera attraverso questo blog ne ho scoperto un altro molto interessante che sembra attivo e quello tuo pure è una buona fonte di ispirazione. Buone escursioni a tutti i boscaioli

    Alberomania

    RispondiElimina
  8. Ciao complimenti per il sito e per i riferimenti anche culturali inseriti, sarebbe bello in tal senso ci fosse una sezione dedicata alla bibliografia così chi curioseggia e vuole approfondire delle tematiche può direttamente andare a guardare quei testi in libreria. Ma una curiosità qual'è una buona università da voi che si occupa di antropologia?
    Personalmente sto organizzando una motra dedicata ai 4 elementi e soprattutto all'amico albero, testi consigliati da approfondire mi sarebbero utili. ah dimenticavo bello anche il link per studiare i fiori, peccato che le alpi mi sono lontane...sai se ce n'è uno di quel tipo per piante meditarranee e medicinali?
    Io controllerò ugualmente al più presto.
    Da quando ho deciso di dedicare questa mostra alla difesa degli alberi stanno uscendo alleati "invisibili", che lavorano altrove in nome del "popolo in piedi", sta sera attraverso questo blog ne ho scoperto un altro molto interessante che sembra attivo e quello tuo pure è una buona fonte di ispirazione. Buone escursioni a tutti i boscaioli

    Alberomania

    RispondiElimina
  9. Ciao,

    ti ringrazio molto per il commento, da dove scrivi?
    In altri post ho cercato di segnalare libri da cui ho preso spunto e informazioni. Gira e rigira per quanto riguarda gli alberi il libro che ancora adesso preferisco è "mitologia degli alberi" su Bur, ma ce ne sono molti altri!

    Ma che mostra in difesa degli alberi??? Sono interessatissimo!
    Fammi sapere se leggi...

    ciao

    RispondiElimina
  10. Ciao,

    ti ringrazio molto per il commento, da dove scrivi?
    In altri post ho cercato di segnalare libri da cui ho preso spunto e informazioni. Gira e rigira per quanto riguarda gli alberi il libro che ancora adesso preferisco è "mitologia degli alberi" su Bur, ma ce ne sono molti altri!

    Ma che mostra in difesa degli alberi??? Sono interessatissimo!
    Fammi sapere se leggi...

    ciao

    RispondiElimina